Pulire casa senza fatica usando i robot

Pulire casa senza fatica usando i robot

I robot aspirapolvere puntano oggi su efficienza energetica e autonomia di funzionamento, con modelli ricaricabili senza fili sempre più diffusi e performanti. Per piccole e grandi superfici.

Da alcuni anni ben noti sul mercato della pulizia domestica, i robot hanno potenzialità e prestazioni paragonabili a quelle dei tradizionali aspirapolvere a traino. Con la differenza, vantaggiosa, di dimensioni molto più compatte (circa 35 cm di diametro), leggerezza (3-5 kg) e autonomia. Questi piccoli elettrodomestici sono wireless, cioè senza cavi, e si muovono liberamente nella stanza evitando automaticamente gli ostacoli che incontrano lungo il percorso. Quando la carica della batteria si esaurisce, tornano da soli alla base per fare il pieno di energia. Tra i plus dei modelli più evoluti vi è anche una rumorosità molto bassa.  Al momento dell’acquisto è importante valutare diversi aspetti: l’autonomia della batteria (in genere 90-120 min.), i tempi di ricarica, la capacità del serbatoio (che dovrebbe essere di almeno 0,7 litri per evitare di doverlo svuotare troppo spesso).

I sensori sono alla base della tecnologia del robot aspirapolvere e della loro autonomia di azione: questi dispositivi elettronici consentono infatti all’apparecchio di “vedere” dove sta andando e di regolare automaticamente la marcia, senza selezione manuale. Possono quindi, per esempio, superare un piccolo dislivello o fare retromarcia quando incontrano una parete o un gradino. Sono sempre i sensori che permettono al robot di riconoscere il tipo di superficie e di calibrare di conseguenza la potenza necessaria, più o meno elevata, ottimizzando anche i consumi elettrici: i robot sono quindi adatti su pavimenti in qualsiasi materiale, dalla ceramica al parquet.

Ti potrebbe interessare
La ventilazione meccanica controllata
Organizzare casa: gli strumenti utili
Imu Tasi Tari: ecco quali sono le tasse sulla casa
Piastrelle e ceramiche: l’importante è scegliere bene